Media Today

ristoranti

Instagram per i ristoranti

I social network sono ormai parte integrante della vita di moltissime persone, che ogni giorno condividono parte della loro giornata ed interagiscono con gli altri utenti. Parlando in particolare di Instagram, il social di photo-sharing acquistato di recente da Mark Zuckerberg, possiamo dire che è sempre più utilizzato, e che è diventato un ottimo strumento di cui molte aziende usufruiscono per farsi conoscere ed incrementare il numero dei propri clienti. Anche per i ristoranti può essere una valida risorsa, ma quali sono i metodi giusti per utilizzare Instagram e raggiungere obiettivi importanti?

Così come le altre aziende, anche quelle che operano nel settore della ristorazione dovrebbero utilizzare i social network per promuoversi. Solitamente, molti pensano che Facebook, Twitter e Google+ siano i migliori strumenti per valorizzare la propria presenza online ma, in un mondo dove l’utilizzo delle immagini, delle foto e degli smartphone è sempre più in crescita, non si può fare a meno di iniziare a considerare anche Instagram come un valido strumento pubblicitario.

Come ben sappiamo, questo social network è una community che unisce non solo le persone appassionate di fotografia: oramai è diventato un trend che sta contagiando chiunque. Lo stesso vale per la cucina, ovvero un mondo che sta appassionando sempre più persone. Perciò, i ristoranti possono unire la passione per il buon cibo a quella per la condivisione delle fotografie per creare una grande strategia promozionale, e Instagram è certamente il luogo virtuale ideale per combinare questi due elementi.

Le prime cose che servono sono sicuramente delle immagini di qualità. Tuttavia, adesso il social dà anche la possibilità di condividere dei brevi video, e quindi è utile sfruttare entrambi gli strumenti. Condividendo le immagini ed i video dei piatti più amati del proprio ristorante, si potranno certamente fidelizzare i propri clienti ed acquisirne sempre di nuovi.

Il primo passo per cominciare con il piede giusto potrebbe essere quello di guardare un po’ di tutorial, in modo da capire quali sono le basi e le qualità principali di una buona fotografia e di un video vincente. Niente di difficile, ma neanche qualcosa di scontato. Infatti potrete capire che basta un’angolatura, un’inquadratura o una luce diversa per cambiare e migliorare la foto nella sua totalità. Il resto lo faranno i filtri proposti da Instagram.

Ad ogni modo, le foto ed i video non bastano per coinvolgere gli instagramers e per ottenere la giusta visibilità su questo social network. Ma fortunatamente, esistono delle importanti strategie e trucchi da mettere in pratica al fine di raggiungere importanti traguardi. Ecco una breve lista da seguire:

1. Utilizzare gli hashtags

Questi “#” sono molto utilizzati, ed attualmente sono ciò che permette di guadagnare visibilità su Instagram, e che sta iniziando ad andare forte anche su Facebook e Google+. Il suggerimento è quello di crearne uno con il nome del proprio ristorante, e/o con un proprio motto. Questo permetterà agli utenti di ricordarsi del ristorante, e spronerà anche i clienti abituali ad utilizzarlo ogni qualvolta che si trovano a mangiare nel locale.

Ovviamente è importante anche utilizzare gli hashtags di tendenza, ovvero i più popolari nell’ambito del Food&Beverage. Ad esempio, uno dei più utilizzati attualmente è #Foodporn che, anche se può suonare strano e ambiguo, è solamente uno degli hashtags più usati da coloro che amano il cibo e che pubblicano spesso le foto di piatti che cucinano o che vengono serviti loro nei ristoranti.

Perciò, è fondamentale utilizzare il proprio hashtag ed i più popolari, inserendoli nella didascalia dell’immagine, oppure nel primo commento. Anche se è possibile inserirne fino a 30, il consiglio è quello di utilizzarne al massimo una ventina, scegliendoli in base alla fotografia che si sta andando a pubblicare. Inoltre, è opportuno prepararsi una lista di hashtags relativi al mondo del Food&Beverage (come appunto #Foodporn, o anche #Foodie, #Foodgam e #Foodspotting), e fare “copia e incolla” al momento del bisogno. Questo è utile in quanto non è sempre possibile ricordarseli tutti. Per trovare gli hashtags giusti, è possibile avvalersi di “TagsForLikes”, un’applicazione utile e conveniente.

2. Creare un contenuto di valore

Naturalmente, anche se il piatto è stupendamente decorato e la foto caricata è di elevata qualità, bisognerà trasmettere qualcosa di più agli utenti che si vorrebbero trasformare in clienti, ed anche ai clienti che si vorrebbe fidelizzare. L’hashtag servirà per aumentare la propria visibilità e quindi per far visualizzare l’immagine a più instagramers interessati all’argomento. Ma quante immagini di piatti possiamo trovare su Instagram? Tantissime. Quindi è necessario dare qualcosa di più all’utente, in modo che quella foto pubblicata diventi un vero contenuto di valore, susciti interesse, e permetta a chi la vede di ricordarsi del ristorante in maniera positiva.

A questo proposito, nella didascalia bisognerebbe puntare alla creazione di un’emozione, scrivendo una breve descrizione che coinvolga e spinga l’instagramer a seguire il profilo del ristorante ed a mettere mi piace all’immagine. Se non si riesce in questo, l’utente potrebbe non rimanere coinvolto e smettere di seguirvi.

Nella descrizione si potrebbe perciò inserire anche qualche ingrediente del piatto, spiegare cosa sta facendo la persona nella foto, etc. In poche parole bisogna coinvolgere, incuriosire chi legge, e fare in modo che si immedesimi nell’immagine. In questa maniera l’utente proverà un’emozione: che sia felicità, meraviglia… o anche languorino, vuol dire che è in qualche maniera è rimasto colpito. Questo è fondamentale.

3. Essere attivi

In tutto quello che facciamo è la costanza che ci porta a dei risultati, e in questo caso è l’attività costante che porta alla visibilità ed al frequente aumento dei followers. Perciò, dopo aver capito come fare delle belle foto, come avvicinare gli utenti con gli hashtags, come coinvolgere emotivamente l’utente, è importante effettuare queste azioni costantemente, o meglio su una base quotidiana.

Tuttavia, essere attivi su Instagram non significa solo pubblicare almeno una foto e/o video al giorno, ma significa anche interagire. Per farlo bisognerà mostrare del vero interesse verso gli altri, commentando e mettendo mi piace ai loro post, rispondendo ai loro commenti, e ringraziando quando è giusto farlo (anche citandoli). Questo fa sentire il follower importante e più spronato ad interagire a sua volta.

Il suggerimento è quindi quello di dedicare almeno 20 minuti di tempo, anche magari solo un paio di volte alla settimana, alla ricerca di coloro che hanno citato o hanno mostrato un qualsiasi interesse per il vostro ristorante, per poi interagire con loro. A questo proposito è fondamentale anche stimolare i propri clienti offline, ovvero spronarli ad utilizzare l’hashtag del ristorante, per poi andare a commentare e mettere mi piace a ciò che hanno pubblicato.

4. Lavora sull’engagement in maniera intelligente

Oltre a tutto quello che abbiamo detto, ci sono tantissime altre cose da poter fare per aumentare la propria popolarità su Instagram. Ad esempio, sarebbe bello ricondividere le immagini pubblicate dai propri clienti e followers, ma su Instagram non si può ripubblicare le immagini già caricate da altri, in quanto si andrebbero a violare le normative del copyright.

A questo proposito, però, esiste un’interessante funzionalità: Regram. Questa è un’applicazione facile da usare, e scaricabile sul proprio smartphone. Altrimenti è utile l’opzione “Repost”, reperibile su Iconosquare, che permetterà di interagire su Instagram dal PC in modo semplice e veloce. Grazie a queste funzionalità è possibile sentirsi più “liberi” ed in grado di fare molte più cose in maniera da creare costantemente un maggior engagement.

Come ultimo consiglio, è opportuno lanciare dei concorsi. Questi sono davvero un’ottima risorsa che permette di far conoscere il proprio ristorante, o qualsiasi altra attività, aumentando le interazioni, il numero dei followers e anche quello dei potenziali clienti. Si potrebbe perciò spronare i propri clienti a pubblicare degli scatti del piatto che preferiscono di più del proprio ristorante, insieme all’hashtag, e vincerà chi riesce ad ottenere più mi piace.

Questi concorsi possono essere a premi, ma è importante ricordare che esistono delle legislazioni del caso che si dovranno rispettare. Altrimenti possono anche non esserci premi, ma semplicemente omaggi o sconti, che i vincitori del contest riceveranno non appena si presenteranno nuovamente al ristorante. Perciò, questa è un’ottima strategia da utilizzare su Instagram, e non serve neanche avere un budget da dedicare al concorso. Questi eventi virtuali sono molto amati dagli instagramers, e non solo. Quindi è possibile sfruttarle per promuovere il proprio ristorante anche su altri social network, ed il successo è davvero assicurato!

Grazie alle immagini di alta qualità combinate con queste 4 tecniche vincenti, la popolarità e la visibilità del proprio ristorante si eleveranno, sia online che offline. Come ultimo consiglio, vi ricordo che anche il mondo della ristorazione è fatto di persone, oltre che di buon cibo. Perciò non puntate solo su piatti, ricette o nuove creazioni culinarie, ma anche sul vostro staff che sorride e lavora con passione, sulle materie prime che utilizzate, sullo stile generale del ristorante, sulla fantasia e la creatività. In questo modo riuscirete a coinvolgere completamente gli utenti di Instagram , facendo conoscere loro la vera personalità dell’azienda a 360°: sarà proprio quello che li fidelizzerà a lungo termine.